Connect with us

Lifestyle

Milan Club Bra, ripartenza pirotecnica

Published

on

Non poteva che chiudersi con i fuochi d’artificio – quelli veri – la pirotecnica festa natalizia del ritrovato Milan Club Bra – nella patria di Cheese e Slow Food, tra le colline patrimonio dell’umanità Unesco – che giovedì 1° dicembre, alla pizzeria “da Pippi”, ha festeggiato le imminenti festività e, soprattutto, la rinascita. Sì, perché il gruppo braidese è rinato nel vero senso della parola visto che dopo un passato glorioso, nel 2011, si era trovato costretto ad ammainare la bandiera.

Qualche mese fa, il fuoco delle origini è tornato a bruciare e così il club, in poco tempo, si è fatto nutrito e vigoroso. In cabina di regia il presidente Luigi “Gigi” Gentile – una delle prime linee dei Banditi della Curva Sud di Milano -, lo storico presidente dell’associazione braidese Gianfranco Galvagno, i fratelli Mario e Federico Di Grazia, Michele Calliano e Luca Manzo. Attorno a loro – che compongono il direttivo – tanti altri milanisti, giovani ed esperti.

Con “Sempre insieme a te sarò” come colonna sonora, la serata è partita nel segno di mister Pioli, omaggiato con le note – personalizzate in chiave milanista – di “Freed from Desire”. Un tormentone cantato con sentimento perché da queste parti c’è un gran desiderio di poter accogliere e abbracciare il tecnico che ha condotto il Milan allo Scudetto numero 19.

Tra cori e fumogeni, alla presenza anche di alcuni membri del Milan Club Alba Rossonera e del Milan Club Saluzzo, c’è stato spazio per alcune sorprese. La prima: l’intervento telefonico di Giancarlo Capelli. Ancora convalescente, il Barone della Curva Sud ha espresso parole di gratitudine nei confronti dei soci del Milan Club Bra.

A ruota siamo intervenuti noi di Milan Reporter. Accompagnati dalla sciarpa che ci è stata donata dagli amici di Milanisti Indonesia, abbiamo ripercorso la strada di passione e sentimento rossonero che ci ha portato, tra le altre cose, a realizzare il libro benefico “L’altra faccia del Milan” – che sostiene i progetti sociali di Fondazione Milan – e a festeggiare il recente tricolore con il libro “Scudetto 19” (proprio in questi giorni tornato a fare capolino nella Top 100 dei libri di narrativa sportiva più venduti su Amazon).

Poi abbiamo proposto una serie di videomessaggi raccolti per l’occasione: gli ex campioni milanisti Daniele Bonera (oggi collaboratore di mister Pioli), Filippo Galli (consigliamo il suo blog personale www.filippogalli.com), Maurizio Ganz (oggi allenatore del Milan Femminile), Marco Amelia e “Pippo” Pancaro, lo speaker ufficiale del Milan Germano Lanzoni, Nicola Pozzi dell’Ufficio Comunicazione del Milan e Benedetto Di Blasi di Fondazione Milan, Pierangelo Rigattieri, intervenuto come Associazione Milanisti 1899, Associazione Piccoli Azionisti Milan e Radio Rossonera, i giornalisti Mauro Suma e Luca Serafini, rispettivamente direttore e opinionista di Milan Tv, Domenico Abbondandolo, co-autore di “Scudetto 19”, i Milan Club del Marocco, di Gozo (Malta), di Hong Kong, dell’Iraq e dell’Indonesia, oltre a due tifosissimi d’eccezione: Gianni Righetto dal Lussemburgo e Ricardo Pereira dal Brasile.

Tanti applausi tra un saluto e l’altro, fino al canto finale intonato proprio da noi, ricordando Ancelotti e la vittoria più bella di sempre, quella di Manchester: “Forza, lotta, vincerai, non ti lasceremo mai…”. In chiusura – prima del gran finale con i fuochi d’artificio -, la proiezione dei gol della passata stagione, il taglio della torta e le foto di rito, accompagnate dalla consegna delle tessere (oltre 170 sono finora i soci) e dei gadget. E, ancora, riparte, caldo come San Siro nel derby, “Sempre insieme a te sarò, solo mai ti lascerò, sono nato rossonero, da Bandito morirò”. Pelle d’oca e passione alle stelle, con il Diavolo… in fondo al cuor.

Il cuore della Bra rossonera è tornato a pulsare forte.

 

Featured

L’altra faccia del Milan: il libro che celebra i tifosi e sostiene Fondazione Milan

Published

on

Le partite a “porte chiuse” che si stanno disputando in questi giorni hanno mostrato, se mai ce ne fosse bisogno, come i tifosi siano l’essenza del calcio. A quelli del Milan è dedicato un nuovo libro, pubblicato oggi, giovedì 18 giugno, che celebra la passione del tifo rossonero. Si intitola “L’altra faccia del Milan” e, oltre a omaggiare tutti i tifosi milanisti del mondo, vuole essere un “mezzo” per fare del bene: l’autore, il giornalista Enrico Fonte, ha infatti deciso di devolvere il ricavato della vendita del libro a favore dei progetti sociali di Fondazione Milan.

Nella prima parte, introdotti proprio dalla prefazione di Fondazione Milan, 36 tifosi rappresentativi di ben 20 nazioni raccontano la loro personale storia di passione milanista, svelando il volto meno noto (ma più autentico) del Milan.

Si va, solo per citare alcune delle storie pubblicate, da Ronald, indonesiano, che ha chiamato la figlia “Nesta” a Steve di Malta che ha allestito nella propria abitazione un museo milanista; da Antonio, italiano, che detiene il record mondiale di ingressi al museo di Casa Milan a Ricardo, brasiliano, che indossa la divisa rossonera per partecipare ai campionati di calcio da tavolo sudamericano; dall’altro italiano Giovanni che trasforma i campioni del Milan in bellissime statue di gesso al lussemburghese Gianni, il tifoso numero uno al mondo di Gianni Rivera. E, ancora: i racconti di Luigi e Colombo, “milanologi” d’eccezione; di Danilo, l’uomo che sventola la bandiera “6 Baresi” in Curva Sud; degli autori dello striscione “Marco Nico” che campeggia a San Siro da una vita. A ciò si aggiungono la commovente lettera di Alex ed Enzo rivolta al padre, milanista Doc, scomparso a causa del coronavirus. Le emozionanti storie raccolte negli Stati Uniti, in Argentina, Cile, Libano, Indonesia, Malesia, Australia e Francia, dove Cristiano, responsabile dei servizi sanitari del Paris Saint-Germain, ha “confessato” la sua simpatia per il Milan e ha parlato dell’amicizia con Thiago Silva, fino alle interviste a Peter Linde, lo scultore che ha realizzato, in Svezia, la statua (poi vandalizzata e, quindi, ritirata) di Zlatan Ibrahimovic e ai Kamp Seedorf, collettivo di artisti di strada olandesi che, in nome dell’ex numero 10 rossonero, colorano le periferie delle grandi città con murales semi-permanenti dedicati ai personaggi più eccentrici della storia del calcio.

Seguono le immagini di alcuni dei più calorosi Milan club del mondo, tra cui quelli di Buenos Aires, del Kosovo, della Georgia, del Marocco, dell’India e di Hong Kong, che introducono la seconda parte, in cui trovano spazio i racconti di tifose rossonere davvero appassionate. In questa sezione picca l’intervista esclusiva, carica di milanismo, al capitano del Milan femminile e bomber della Nazionale azzurra, Valentina Giacinti.

Tra la seconda e la terza parte i “contenuti speciali”, con un racconto che celebra i giocatori nordici passati per il Milan e con sette magnifiche grafiche dedicate alle formazioni rossonere che hanno conquistato la Coppa dei Campioni.

La terza e ultima parte è un tripudio di milanismo, con le interviste al giornalista Luca Serafini, ad alcuni ex giocatori del Milan approdati in prima squadra dopo la trafila nel settore giovanile, come Daino, Saudati, Marzorati, Perticone, e ad Harvey Esajas, l’amico di Seedorf che è riuscito a giocare una manciata di minuti con il Milan al termine di un commovente cammino di rinascita sportiva e spirituale. A seguire, il colloquio con Filippo Galli e il racconto dell’incontro con Paolo Maldini. Infine, il gran finale con l’intervista esclusiva all’espressione del milanismo più autentico: Franco Baresi.

Il tutto accompagnato da 400 foto, molte delle quali inedite, che rendono ancora più emozionante questo “diario” dalle forti tinte rosse e nere.

“L’altra faccia del Milan”, edito da “Milan Reporter editore”, è disponibile su Amazon in italiano (con il titolo: “L’altra faccia del Milan”) e in inglese (“The other face of AC Milan”), nei formati ebook e cartaceo (280 pagine a colori).

DICHIARAZIONI

L’autore, Enrico Fonte: «Dopo aver seguito il Milan come tifoso con gli amici del club Alba rossonera, in qualità di cronista web ho avuto l’opportunità di coronare due dei miei sogni più grandi: varcare i cancelli del centro sportivo Milanello e raccontare le partite dei rossoneri dalla tribuna stampa di San Siro. Nel marzo 2019 ho documentato dall’Inghilterra l’amichevole benefica tra le leggende di Liverpool e Milan. In terra inglese ho conosciuto milanisti provenienti da ogni angolo del pianeta, i quali mi hanno fatto intendere che sarebbero disposti a rinunciare a tutto pur di vivere anche solo un decimo delle esperienze legate al Milan che ho avuto la fortuna di vivere io. Ecco, allora, l’idea di realizzare un libro che avesse per protagonisti non i campioni e i trionfi del Milan bensì i tifosi e le loro appassionanti storie, ovvero l’altra faccia (quella più autentica) del Milan, decidendo al contempo di devolvere il ricavato a Fondazione Milan».

Rocco Giorgianni, segretario generale di Fondazione Milan: «Le storie particolari contenute in questo libro esprimono un sentimento che accomuna i moltissimi tifosi che nel corso della storia hanno amato il Milan. Un amore sempre ricambiato, spesso con successi e trofei. Amore e passione che non vengono mai meno, neanche nei momenti di difficoltà: più che mai in quei frangenti si intuisce l’amore incondizionato dei tifosi per il loro club. Perché innanzitutto il Milan per loro è una questione di cuore, appartiene a loro, che ci sono e ci saranno sempre. Così è la storia di Fondazione Milan, una storia di passione. Per le persone innanzitutto. In questi anni, abbiamo incontrato migliaia di bambini, giovani e adulti nelle periferie di Milano come negli slums di Nairobi, abbiamo giocato con loro nelle favelas di Rio de Janeiro e nei lebbrosari di Calcutta. Ci hanno regalato sorrisi, voglia di vivere e di sognare, ma anche desiderio di non mollare mai. Amore e passione che non saremmo però mai riusciti ad esprimere allo stesso modo senza l’aiuto e il supporto della grande famiglia del Milan, di cui i tifosi sono certamente il cuore pulsante».

Continue Reading

Lifestyle

Milan club “Melbourne” in festa con Daniele Massaro

Published

on

Venerdì 26 aprile il Milan club “Melbourne” ha ospitato per una serata dalle forti tinte rossonere Daniele Massaro. L’evento, proposto al ristorante “400 Gradi”, ha riscosso un ottimo successo e permesso ai membri del club di incontrare una delle leggende del Milan.

Commenta il presidente del Milan club “Melbourne” Taylor Battistella: «Vivendo a Melbourne, e così lontano da Milano, era impensabile che avremmo potuto ospitare una leggenda del genere a casa nostra. È stato davvero un sogno diventato realtà per tutti noi, un’esperienza che non dimenticheremo. Daniele è stato eccezionale, dedicando il suo tempo a ciascuno di noi: per questo gli siamo molto riconoscenti. Grazie, Daniele!».

Continue Reading

Copyright © 2022 MILAN REPORTER.it | Tutti i diritti riservati
Le immagini sono di proprietà del sito stesso oppure tratte da Internet o da comunicati stampa. Per richiederne la rimozione o per ulteriori informazioni scrivere a: info@milanreporter.it
Fondatore e Direttore: Enrico Fonte
Sito non autorizzato o connesso ad AC Milan